Una delle domande piu’ frequenti che mi viene posta nei miei corsi è:

“Come posso proteggermi dalla negatività che mi circonda?”

Chi mi conosce, sa bene che a questa domanda rispondo spesso con altre domande:
“Come definiresti negativita’?”
“Da che cosa e’ rappresentata la negativita’ dalla quale vorresti proteggerti?” (persone, luoghi, oggetti, pensieri ecc.)
“Che emozioni suscita in te ciò che definisci negatività?
“Cos’è per te la positività?”
“Quale impatto ha su di te la positività?”

e cosi potrei continuare a fare tante altre domande. Perche’ cosi’ tante versioni della realtà?

John O’Donohue (1956 – 2008) poeta irlandese, autore, prete, filosofo e scrittore di spiritualità celtica, scrisse:

“The Way you look at things is the most powerful force in shaping your life”

che tradotto letteralmente significa

“Il Modo in cui vedi le cose e’ la forza più potente nella formazione della tua vita’.

 

Questa frase di John O’Donohue potrebbe essere interpretata come il modo in cui vediamo (interpretiamo) le cose, e’ la forza predominante che determina la direzione che prenderà la nostra vita.

Ritornando alla nostra domanda iniziale: “Come posso proteggermi dalla negatività che mi circonda?”, potremmo allora iniziare a notare che la parola negativita‘ presume l’esistenza della positivita’, quindi e’ principalmente il risultato di un modo di pensare in linea con la dualità.

Certamente il mondo in cui viviamo si basa principalmente sul sistema duale: male/bene, notte/giorno, negativo/positivo, amore/odio, e sano/malato, occupato/disoccupato, pace/guerra e così via. Questo sistema ha naturalmente delle limitazioni, in quanto non prende in considerazione possibilità esterne alla dualità stessa.

Uno dei paradossi della fisica quantistica e’ che noi esseri umani non viviamo in un mondo duale, ma in un mondo dove esistono infinite possibilità. Il concetto piu’ incredibile e’ che queste infinite possibilita’ gia’ esistono nel mondo quantico, noi esseri umani andiamo a selezionare e rendere reali (manifestare) quelle possibilità (tra le infinite) che corrispondono alla nostra vibrazione energetica. Quindi, se entriamo nel mondo quantico, cio’ che noi definiamo negativita’ e’ semplicemente energia che ha una certa vibrazione.

Quando questa vibrazione entra in contatto con il nostro sistema energetico (aura, chakra, meridiani) inizia a interagire con esso, manifestando in noi alcune tra le infinite possibilità (Legge dell’Attrazione). Cio’ vuol dire che la vibrazione energetica che noi definiamo negativita’ (oppure che emana negativita’) e’ strettamente relazionata alla nostra vibrazione. Come? Vediamo in pratica come molte persone definiscono la ‘ negatività ‘.

Un tipico esempio e’:

“Ogni volta che io (Y) incontro la persona X, vado via che mi sento completamente esausta”

Quando generalmente chiedo se ‘ogni volta‘ significa ogni singola volta, inevitabilmente la risposta e’ “veramente non sempre, qualche volta sembra che lei/lui non abbia influenza su di me“.

Accade spesso che quando la persona X incontra la persona Z, quest’ultima non la trovi per niente negativa … anzi molto spesso avviene il contrario. Alcune volte l’incontro potrebbe essere ‘neutrale’ o addirittura piacevole.

Basandoci su queste considerazioni, la negatività non può essere oggettiva, ma deve essere per forza soggettiva. Il modo in cui ci troviamo energeticamente al momento in cui entriamo in contatto con quella vibrazione energetica (ci sentiamo di buon umore/malumore, ci sentiamo bene/siamo ammalati ecc) determinerà il modo in cui ‘vedremo’ la negativita’ di quella persona o situazione.

La vita moderna ci ha abituato a semplificare tutto e a voler tutto e subito, e molto spesso lo si applica anche al mondo cosiddetto spirituale. Per cui al giorno d’oggi, per proteggersi dalla negatività si ricorre spesso a cristalli, amuleti, simboli, oli essenziali, affermazioni, meditazioni con bolle energetiche/piramidi/affermazioni. Certamente questi sono tutti metodi molto efficaci, ma alla fine non rappresentano niente di nuovo se si considera che i religiosi indossano la croce per proteggersi, alcuni portano il ferro di cavallo per scacciare il malocchio, i turchi hanno l’Occhio di Allah e cosi’ via.

Cio’ che io penso e’ che la protezione piu’ potente sia rappresentata da un buon livello di consapevolezza – senza la quale tutto l’altro diventa inefficace. Iniziamo a capire che tutto e’ energia, noi siamo esseri energetici che viviamo in un modo energetico – questo e’ il punto di partenza di una buona protezione.

Il potere e’ dentro di noi, ogni volta che devolviamo il nostro potere personale a qualcosa di esterno (o qualcuno), stiamo perdendo energia. E’ quasi un paradosso no?

La consapevolezza inizia con il diventare responsabili, capire chi siamo veramente e come interagiamo con cio’ che definiamo realta’.

 

 

Semplice Esercizio

Spegni il telefono e cerca di eliminare tutte le potenziali fonti di distrazione.

Siediti su una sedia o poltrona, non devi necessariamente avere la schiena dritta, l’importante e’ che assuma una posizione comoda. Suggerisco di avere silenzio anziché una musica di sottofondo. Piedi poggiati a terra.

Chiudi gli occhi e inizia con il prendere alcuni respiri profondi. Inspira lentamente con il naso, conta fino a 5, senti l’aria scendere fino al tuo addome. Nel mentre che mantieni l’aria nell’addome conta fino a 5, poi inizia a espirare con la bocca contando fino a 5. Continua per qualche minuto.

Immagina che quando inspiri, inspiri nel tuo corpo rilassamento. Quando invece espiri, espiri dal tuo corpo le tensioni, i sensi di peso, i pensieri che non vuoi.

Continua per qualche minuto, cercando di mantenere l’intenzione di inspirare rilassamento ed espirare cio’ di cui ti vuoi liberare.

Inizia a percepire il contatto dei tuoi piedi con il pavimemto: cosa senti? caldo/freddo, pesantezza/leggerezza, morbido/duro? mantieni la tua attenzione su questo contatto per qualche minuto.

Porta l’attenzione alla tua testa e inizia a sentire i muscoli della tua testa. Forse riesci a percepire i capelli? Riesci a percepire le tue orecchie? Il tuo naso? I tuoi denti? Continua ad osservare… Lentamente scendi giu’ sul tuo corpo, continuando a praticare lo stesso esercizio di osservazione delle tue spalle, poi scendi sulle braccia, mani, passa alla colonna vertebrale e scendi fino al bacino, porta l’attenzione al collo, torace e scendi fino alle gambe. Dalle gambe scendi lentamente alle ginocchia, polpacci e poi caviglie e piedi.

Porta l’attenzione al tuo cuore e immagina che la respirazione avviene attraverso il tuo cuore: inspira dal tuo cuore, espira dal tuo cuore. Pensa a qualcosa che ti fa sentire felice (una canzone, un posto, una persona o animale). Mantieni nel tuo cuore questa sensazione.

Quando inspiri, inspiri una sensazione di pace attraverso il tuo cuore. Quando espiri, espiri la sensazione che hai generato dal tuo cuore, attorno a te, nella stanza dove ti trovi, nella tua cosa, nel tuo giardino, nel tuo quartiere, citta’ e cosi’ via. Continua per qualche minuto. Porta nel tuo cuore la sensazione di gratitudine, pensando brevemente a tutto ciò che puoi apprezzare nella tua vita, anche cio’ che dai per scontato: il fatto che puoi bere l’acqua pulita, puoi respirare aria pulita, hai cibo nel tuo piatto, ecc. Per qualche minuto, espandi questa sensazione di gratitudine nel tuo corpo.

Termina riportando la tua attenzione sul tuo respiro, per qualche minuto.

Lentamente apri gli occhi e muovi il tuo corpo.

 


Giacarlo Serra lavora come operatore olistico indipendente e insegnante di materie olistiche a Londra e in Italia. Si occupa principalmente di Counselling Olistico, Reiki, Ipnosi Regressiva, Ipnoterapia e Spirit Release. 

Per corsi e consulenze private e corsi consultare www.giancarloserra.net e www.giancarloserra.org

BLOG

Il mio viaggio a Kurama

All'inizio è sempre l'intenzione Tra i miei sogni, ne esistevano due in particolare che riguadavano il Reiki: il primo era di poter un giorno visitare Kurama, il luogo sacro in cui Usui ricevette il dono del Reiki nel 1922; il secondo, di partecipare a un corso Reiki...

read more

Riflessioni sulla Pratica Spirituale Quotidiana

Riflessioni sulla Pratica Spirituale Quotidiana Video girato nel magnifico Chelsea Physic Garden di Londra Giancarlo Serra lavora come Operatore Olistico indipendente nel Regno Unito e in Italia.  E' insegnante Master Reiki nel Metodo di Guarigione Naturale di Mikao...

read more

Lo Scrigno Magico Reiki

Cosa pensi dei soldi? Per te sono positivi o negativi? Questo articolo ti dara’ alcune importanti informazioni sui soldi e un esercizio molto pratico che ti potra’ aiutare ad attirare soldi nella tua vita.

read more

Le Tre Colonne Del Reiki

Usui Sensei le chiamava Le Tre Colonne Del Reiki: La Meditazione Gassho, Reiji-ho e Chiryo. Queste tecniche possono essere utilizzate come passi successivi durante una seduta Reiki.

read more

I Principi del Reiki

I Principi Reiki, o I Cinque Precetti   Solo per oggi, lascio andare la rabbia Solo per oggi, lascio andare le preoccupazioni Solo per oggi, rendo grazie per tutte le benedizioni Solo per oggi, lavoro onestamente Solo per oggi, sono gentile verso il prossimo e ogni...

read more

Protezione nel Reiki

Protezione nel Reiki É veramente necessaria? Coloro che lavorano nel campo dell'energia ripongono una grande attenzione su ciò che viene chiamata o definita protezione (psichica). Alcuni metodi di protezione includono quelli che possono essere definiti 'metodi...

read more